07 Dicembre 2019

percorso: Home

Progetti

Un paese a Scuola
Tre anni fa la Scuola primaria A. Vannucci di Fognano non ebbe gli alunni necessari per la creazione di una classe prima, che infatti venne trasferita nel plesso di Montale capoluogo. Da diversi anni, le scuole dei due paesi soffrono di una lenta ma inesorabile diminuzione delle presenze, che ha indotto le autorità competenti ad accorparle, facendo frequentare le prime due classi a Fognano, e le ultime tre classi a Tobbiana.
La nostra associazione si mobilitò quindi nel 2014 con una petizione, raccogliendo circa 800 firme contro la chiusura del plesso di Fognano, e impegnandosi nella presentazione di una proposta didattica, dotata di un forte valore aggiunto in termini di innovazione sociale e contenuti, che fosse pertanto capace di attirare le iscrizioni dal territorio comunale o extra-comunale.

Il progetto “Un Paese a Scuola” è stato realizzato in via sperimentale l’anno scolastico 2016/7 dalla Pro Loco Fognano e dal Comune di Montale, in collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Montale e la Cooperativa Sociale Gli Altri di Pistoia e; e riproposto l’anno scolastico 2017/8, in collaborazione con l’Associazione Cieli Aperti di Prato.
L’iniziativa ha riscosso un ampio successo ed i primi risultati sono già tangibili (aumento delle iscrizioni; coinvolgimento di tanti volontari, anche al di fuori della nostra associazione; coinvolgimento attivo di diverse associazioni sul territorio).

“Un Paese a Scuola” non è un semplice “doposcuola”: esso è innovativo nei contenuti didattici e nella metodologia, che adotta un’ampia apertura e coinvolgimento sia verso l’interno che verso l’esterno, grazie all’apporto di volontari che mettono a disposizione le loro competenze in favore dei bambini. Il progetto è realizzato secondo il modello della c.d. Scuola Aperta: la scuola "apre" le porte a genitori e nonni, enti, associazioni e soggetti del territorio, al fine di fornire un sostegno alle famiglie per la cura dei figli e un supporto per lo svolgimento dei compiti, mettendo a disposizione i propri spazi oltre l’orario scolastico. Le materie che ci stanno più a cuore, riguardano la comprensione e il recupero del nostro territorio e delle nostre tradizioni, l’apprendimento di discipline artistiche e la formazione di un’attenta coscienza civica e partecipazione alla vita del paese.

Il successo del progetto è stato celebrato il 28 aprile 2017, con un evento co-finanziato dal CESVOT, la “Festa della Scuola Aperta” avente ad oggetto la promozione del volontariato, con una vasta partecipazione degli alunni e delle loro famiglie, istituzioni ed associazioni del territorio. Il progetto è stato recentemente eletto dal CESVOT come “buona pratica” e viene presentato in occasione di convegni e manifestazioni rivolti al mondo del volontariato, ai giovani, alle scuole e agli amministratori, come esempio di successo relativamente alla cura e gestione dei beni comuni.

Realizzazione siti web www.sitoper.it